Seminario AI Lab | Esoscheletri: innovazioni e applicazioni in neuroriabilitazione

14 Novembre 2022
11:00 - 12:00
REGISTRATI
AI Lab Applied Research innovation

Il Seminario AI Lab | Esoscheletri: innovazioni e applicazioni in neuroriabilitazione si inserisce in una serie di appuntamenti organizzati dall’Artificial Intelligence Lab di Intesa Sanpaolo Innovation Center che hanno l’obiettivo di illustrare e diffondere le evoluzioni delle ricerche condotte nell’ambito della robotica.

Il seminario, a cura di Intesa Sanpaolo Innovation Center, è previsto tramite collegamento da remoto (riferimenti a fondo pagina) lunedì 14 novembre ore 11.00-12.00.

 

Immagine del Seminario Artificial Intelligence Lab di Intesa Sanpaolo Innovation Center sugli esoscheletri a supporto delle lesioni neurologiche Immagine del Seminario Artificial Intelligence Lab di Intesa Sanpaolo Innovation Center sugli esoscheletri a supporto delle lesioni neurologiche

ABSTRACT

L'avvento della robotica in neuroriabilitazione ha portato all'evoluzione di numerose tecnologie. Una di queste sono gli esoscheletri: dispositivi che aiutano o sostituiscono la persona nel praticare un'azione complessa, quale il camminare. Non esiste ancora un dispositivo che possa essere la risposta definitiva per persone colpite da malattie neurologiche o lesioni del midollo spinale, ma la ricerca prosegue nuove proposte robotiche. Dove andrà il futuro?

 

BIO

La dott.ssa Federica Tamburella è fisioterapista ricercatrice senior presso il NeuroRobot Lab e lo SPIRE Lab dell'I.R.C.C.S. Fondazione Santa Lucia. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Scienze Biomediche e Bioingegneria presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie della Salute dell'Università di Aalborg. È stata coinvolta nell'ambito della ricerca clinica traslazionale fin dal 2006. I principali campi di interesse sono la neuroriabilitazione robotica, l'analisi clinica e strumentale del cammino e dell'equilibrio, il recupero della deambulazione e della spasticità, il controllo motorio e l'elettromiografia di superficie. È specializzata nell'ambito delle lesioni del midollo spinale e dell'ictus cerebrale. Dal 2010 lavora in progetti di ricerca finanziati dalla Comunità Europea nell'ambito del 7° Programma Quadro (SYMBITRON, BETTER, MINDWALKER, TOBI, NISCI, HANK) incentrati sull'utilizzo di tecnologie esoscheletriche in pazienti affetti da lesioni al sistema nervoso centrale.

È il Principal Investigator (PI) di un progetto internazionale finanziato da Wings for Life incentrato sul recupero motorio in soggetti con lesioni al midollo spinale e Co-PI di un progetto finanziato dal Ministero della Salute Italiano in cui viene testata l'interazione uomo-macchina durante l'allenamento con sistemi esoscheletrici su treadmill in soggetti con lesioni al midollo spinale. Ha pubblicato più di 40 articoli con revisione paritaria ed ha un H-index di 18 (Scopus). Inoltre, è autrice di capitoli di libri e ha presentato diversi contributi a conferenze nazionali e internazionali.